domenica 15 agosto 2010

La mia torta di mele

Oggi vi faccio vedere la mia torta di mele, Mssimiliano e Lorenzo la adorano! E' anche bella da vedere e non è complicata da fare!



TORTA Di MELE


INGREDIENTI (per una tortiera di 24-26 cm di diam.):
· 150 g farina + q.b. per infarinare la tortiera
· 150 g burro + q.b. per imburrare la tortiera
· 150 g zucchero semolato
· 6 mele
· 4 uova
· 1 bustina di vanillina
· ½ bustina di lievito per dolci in polvere
· zucchero a velo da cospargere sopra la torta
· 1 pizzico di sale
· succo di un limone
Lavare, pelare, pulire e tagliare a pezzi 4 mele e metterle in una terrina mescolandole con una parte del succo di limone avendo cura che ogni pezzo ne venga a contatto (serve per non far ossidare e quindi imbrunire le mele). Lavare, pelare, pulire e tagliare a spicchi sottili le restanti 2 mele e metterli
delicatamente in un piatto, versarvi sopra il succo rimasto e rigirarli in modo che gli spicchi si bagnino completamente.
Montare a neve ferma le 4 uova con lo zucchero semolato, la vanillina e il pizzico di sale (ci vorranno circa 8-10 min e deve risultare una crema di un colore giallo pallidissimo).
Nel frattempo sciogliere a bagnomaria il burro ed attendere che intiepidisca (NON si deve raffreddare!).
Setacciare 150 g di farina e la ½ bustina di lievito in una terrina grande.
Amalgamare la farina con il burro e mescolare con cura. Unire a questo composto la spuma di uova e le mele a pezzi.
Imburrare ed infarinare la tortiera, versarvi l’impasto e decorare la superficie con gli spicchi delle mele partendo dal bordo verso il centro. Cuocere in forno statico a 160° per 45 min. Trascorso questo tempo, lasciate riposare la torta nel forno spento per 5 min poi controllare la cottura con uno stecchino.
Togliere dal forno e cospargere la torta ancora calda di zucchero a velo!

CONSIGLI:
# Per l’estate: servire la fetta di torta fredda con una pallina di gelato alla panna o alla vaniglia!
# Per l’inverno: servire la fetta tiepida con un cucchiaio di panna montata o crema inglese fredda!

sabato 7 agosto 2010

il mio orlo originale

Devo fare qualche precisazione sull'orlo originale!

Io li eseguo con una macchina industriale e quindi con un certo vantaggio rispetto alle macchine "casalinghe" però con un po' di pazienza e magari non forzando la macchina e girando la rotella a mano per passare i punti più ostici (quelli dove il tessuto è doppiato)...
...come diceva Gene Wilder in "Frankestein jr": "SI PUO' FARE"!!! :)))

Altra precisazione:
se dovete accorciare un paio di jeans larghi sul fondo (a campana o a trombetta), dovete adottare un accorgimento. Prima di ricucire il pezzo di orlo alla gamba, bisogna misurare le due circonferenze e tagliare dal pezzo di orlo stesso la differenza. A volte non è molta ma questa operazione è, comunque, necessaria per la buona riuscita dell'orlo!

A presto!!




Oggi vi voglio mostrare come cucire un orlo originale nei jeans. Navigando in rete troverete vari modi per farlo...qui vi presento il mio, è quello che eseguivo per "SCOUT" e che ora faccio per i clienti del negozio "ROAD 66"di Castel Maggiore.
Dopo aver stabilito la misura finale del jeans, tagliare lasciando 7-8 mm di tessuto al di sotto del segno.

e tagliare l'orlo lasciando al di sopra della classica cucitura gialla circa 7-8 mm
Scucire la cucitura aprire bene l'orlo e sovrapporlo all gamba del jeans puntare con gli spilli e cucire
stando ad 1-2 mm dal segno della cucitura (freccia)
A questo punto tagliare uno degli spessori in questo modo
e rivoltare verso l'interno e cucire l'orlo dal diritto sul segno della cucitura precedente


Stirare molto bene per appiattire il più possibile la cucitura di unione e il jeans è pronto!!!

Questo è un orlo originale in un jeans dritto.






giovedì 5 agosto 2010

domenica 1 agosto 2010

Le mie Polpette



Polpette...polpette...ma non le solite polpette...
Vi presento due ricette velocissime e davvero sfiziose di polpette di pesce, un modo per far mangiare il pesce ai bimbi o, se servite in modo originale, possono diventare "finger food" (come dicono le persone chic!!!) per un aperitivo!






POLPETTE DI TONNO



INGREDIENTI:
· 2 scatolette da 160g di tonno sott’olio
· 3 cucchiai abbondanti di pangrattato
· 1 uovo
· 1 cucchiaino di capperi tritati
· sale q.b.

Scolare molto bene il tonno dall’olio e metterlo in una terrina. Aggiungere i capperi, l’uovo e una presa di sale (poco poco… capperi e tonno sono già molto saporiti!). Mescolare ed aggiungere 2 cucchiai di pangrattato ed impastare avendo cura di amalgamare bene il tutto. Formare le polpettine, passarle nel restante pangrattato e friggerle in olio profondo molto caldo per circa 2 minuti (appena sono dorate vanno scolate altrimenti risulteranno stoppose!). Sono gustosissime con l’aceto balsamico di media acidità o, per dare un tocco orientaleggiante, con la salsa di soia. Si possono servire come secondo o come finger food per l’aperitivo magari messe in piccoli coni di carta gialla!
*****
POLPETTE DI NASELLO

INGREDIENTI:
· 2 cuori di nasello surgelati
· 1 patata media
· 1 uovo
· 3 cucchiai di pangrattato
· 1 limone non trattato
· 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
· sale q.b.

Fare scongelare il nasello, (se è il caso scolarlo), tritarlo e metterlo in una terrina insieme alla patata (bollita in acqua salata, scolata e schiacciata), l’uovo, 2 cucchiai di pangrattato, il prezzemolo, 1 pizzico di sale e la scorza del limone grattugiata. Impastare molto bene, formare le polpettine e passarle nel restante pangrattato (devono risultare morbide). Friggerle in olio profondo caldo per circa 5-6 minuti scolarle e servire!!


...ed ecco Lorenzo mentre divora quelle di nasello...

NOZZE D' AVORIO DEI NONNI

Un traguardo che noi ci possiamo solo sognare...mentre i miei futuri suoceri l'hanno tagliato egregiamente : 55 anni di matrimonio!!
il segreto? non prendersi troppo sul serio e a volte fingere di non sentire, così mi hanno detto!

Per festeggiarli, a loro insaputa abbiamo organizzato, con la complicità di Brunella dell'agriturismo Il Pozzo dei Desideri un pranzo "nuziale" tra noi parenti.

Ed io ho potuto così "ciapinare" un po'...
Questi sono gli inviti che ho spedito:
nella busta ho incollato un nastrino per riprendere il bordeaux che ho utilizzato come tema per tutti lavori!


Invito chiuso…
…e aperto

Siccome non eravamo in molti, ho utilizzato lo stesso stile per i menù-segnaposto


chiuso…



…e aperto!



E non potevano mancare le bomboniere! Adoro i fiori e qui li ho realizzati con i confetti ricoperti di tessuto organza avorio e bordeaux...





...e questo è l’effetto finale nel cestino!

E' stato bello vedere i festeggiati emozionati...ma ancora di più vedere il mio Massimiliano commosso...è così bello far felice chi si ama...





Cambiamenti

Ciao a tutti! Ho scritto tante volte "adesso torno","ora ritorno"ecc...e puntualmente ho lasciato perdere; potrei trova...